Il video dello strepitoso record della Porsche Taycan al Nürburgring: 7 minuti e 42 secondi

La Porsche Taycan si prepara al debutto del 4 settembre a suon di record. Il pilota collaudatore Lars Kern ha completato il leggendario circuito, noto anche come Green Hell, in 7 minuti e 42 secondi. Il tempo sul giro è stato stabilito su un percorso di oltre 20,6 chilometri che viene solitamente utilizzato per i tentativi di record. Durante la prova, Lars Kern era al volante di una Taycan di pre-produzione con pneumatici da 21″.

Porsche Taycan: gli interni racchiudono tradizione, lusso, innovazione e sostenibilità

“La Taycan è anche adatta ai circuiti e lo ha dimostrato in maniera convincente proprio qui, sul tracciato più impegnativo al mondo,” spiega Lars Kern. “Ancora una volta sono rimasto colpito dalla stabilità dimostrata da questa sportiva con trazione elettrica nei tratti ad alta velocità, come ad esempio Kesselchen, e dalla sua capacità di uscire dai passaggi stretti come l’Adenauer Forst accelerando in modo assolutamente neutro.”


Porsche Taycan sempre più vicina: ecco quando verrà svelata ufficialmente. Tutto quello che sappiamo

Porsche 4D-Chassis Control

Il Porsche 4D-Chassis Control analizza e sincronizza tutti i sistemi del telaio in tempo reale. I sistemi innovativi a integrazione del layout di base del telaio includono le sospensioni pneumatiche adattive con tecnologia a tripla camera con sistema Porsche Active Suspension Management (PASM) di regolazione elettronica degli ammortizzatori e il sistema elettromeccanico di regolazione del telaio e stabilizzazione del rollio Porsche Dynamic Chassis Control Sport (PDCC Sport) con Porsche Torque Vectoring Plus (PTV Plus).

Sport Plus

Le modalità di guida della nuova Taycan prevedono impostazioni speciali che consentono di sfruttare tutte le proprietà del sistema di trazione elettrica. Selezionando la modalità “Sport Plus”, il sistema risponde alle richieste del conducente in modo estremamente dinamico.

La strategia di riscaldamento e raffreddamento della batteria è concepita per garantire prestazioni elevate. Congiuntamente, le alette delle bocchette di raffreddamento si aprono, lo spoiler posteriore si estende sin da subito per favorire una portanza minima, mentre l’assetto del telaio viene ottimizzato per garantire prestazioni in pista e le sospensioni vengono regolate in modo da mantenere la posizione più bassa.

L’inferno della Porsche Taycan

[Fonte: C.S. Porsche]

About Redazione

Guarda anche

Mazda 2 Hybrid

Opinioni Mazda 2 Hybrid 116 CV, com’è e come va l’ibrida giapponese

La nostra prova della prima ibrida di tipo full della Mazda. Scopriamo com'è e come va la Mazda 2 Hybrid