Recensione Dacia Duster GPL, una suv economica, ma non spartana

Dacia Duster ECO-G
La Dacia Duster ECO-G

La Dacia Duster GPL è una suv che ha ottenuto e sta ancora ottenendo un ottimo successo in Italia, tanto da totalizzare oltre 260.000 unità vendute. Oltre alle discrete doti fuoristradistiche, la Duster si è sempre distinta per il favorevole rapporto qualità/prezzo. Su Greenmotorsport, dopo la prova dell’elettrica Dacia Spring, e quella della Dacia Sandero Stepway, vi proponiamo la recensione della Dacia Duster GPL (più precisamente ECO-G) equipaggiata con il motore bi-fuel benzina/GPL ECO-G 100. L’allestimento è il completo Extreme, che si distingue anche per una specifica personalizzazione estetica.

Recensione Dacia Duster, con il GPL si va lontano

Il powertrain prevede la versione bi-fuel benzina/GPL ECO-G 100, spinta dal “mille” tre cilindri con 100 Cv e 170 Nm di coppia. Abbinato ad esso c’è un cambio manuale a sei rapporti, che trasferisce la potenza alle ruote anteriori. Il serbatoio della benzina è da 50 litri, quello del GPL di 48,8 litri. Con un pieno di gas (33,6 litri effettivi) e un piede “educato” si arrivano a percorrere poco meno di 400 km; altri 700-750 km si possono percorrere a benzina, anche se la spesa per chilometro raddoppia, ovviamente. Il propulsore da 1.0 litro ha un discreto brio (grazie al turbo) ed è ottimizzato per funzionare con il GPL. Prodotto nello stabilimento di Pitesti in Romania, il TCe 100 è un propulsore di ultima generazione, leggero e compatto. A fronte di contenuti costi di gestione, può essere utilizzato sia in città che nei lunghi viaggi, a conferma del fatto che il GPL ha il suo perché anche in quest’era dominata dalle auto elettriche.

Un'immagine del vano motore della Dacia GPL
Un’immagine del vano motore della Dacia GPL

Costa poco e ha molto

La Dacia Duster Extreme ha interni di discreta qualità. I sedili sono in tessuto TEP con cuciture arancioni e inserti dello stesso colore presenti sulle bocchette dell’aria, il bracciolo centrale, le maniglie delle porte e le modanature della consolle centrale. I richiami arancioni li troviamo anche su alcune parti della carrozzeria come le calotte degli specchietti e la mascherina. Il ricco equipaggiamento prevede il “clima” automatico, il sistema multimediale Media Nav Evolution 8’’, la console centrale alta con bracciolo, la chiave Keyless Entry, due prese USB per i passeggeri dei sedili posteriori e la retrocamera. Attualmente questo allestimento ha un prezzo di listino di 21.550 euro (compreso il colore Grigio Road, che costa 700 euro). Il sistema multimediale è semplice ma funziona bene, essendo dotato anche della compatibilità con Apple Car Play e Android Auto. Comoda la gestione del GPL: il tasto per attivare il funzionamento a gas è posizionato nei comandi della plancia e il display nel cruscotto indica il consumo di gas e la quantità di combustibile nella bombola.

Gli interni della Dacia Duster
Gli interni della Dacia Duster

Recensione Dacia Duster GPL: come va?

La Dacia Duster GPL ha un comportamento sincero. La conformazione della vettura e la generosa altezza da terra la rendono adatta anche a un off road. Il cambio è preciso e risponde bene. Lo sterzo, pur non essendo molto diretto, ha la giusta consistenza e infonde comunque una buona sicurezza.

Il sistema multimediale della Dacia Duster
Il sistema multimediale della Dacia Duster

Conclusione

La Dacia Duster GPL è una vettura che offre molto a fronte di un prezzo di listino comunque contenuto. In questa versione GPL abbinata all’allestimento Extreme garantisce anche una dotazione all’altezza e interni per nulla spartani. La qualità è infatti buona e una volta all’interno dell’auto non si ha la sensazione di essere dentro una vettura economica, piuttosto si apprezza la natura pragmatica del marchio. In conclusione ci sentiamo di consigliarla a tutti coloro che fossero alla ricerca di una suv con un abitacolo spazioso e con un powertrain che “beve” poco. Il GPL su una vettura come la Duster si conferma come una scelta particolarmente azzeccata. Il difetto principale della Duster rimane la dotazione dei sistemi di sicurezza, troppo ridotta (anche a pagamento non si può avere le frenata automatica d’emergenza).

Pro:

-Rapporto qualità/prezzo super

-Interni di discreta qualità

-GPL molto economico da gestire

Contro:

-Esigua dotazione di sistemi di sicurezza

-Leggermente rigida

-Sterzo migliorabile

About Emiliano

Guarda anche

Mazda 2 Hybrid

Opinioni Mazda 2 Hybrid 116 CV, com’è e come va l’ibrida giapponese

La nostra prova della prima ibrida di tipo full della Mazda. Scopriamo com'è e come va la Mazda 2 Hybrid

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *