FIM Enel Moto E: come sarà il primo campionato di moto elettriche

FIM Enel Moto E: presentato a Roma, il 6 febbraio 2018, il primo campionato di moto elettriche che si disputerà nel 2019. A parlarne Carmelo Ezpeleta, Ceo di Dorna, il presidente della Federazione Internazionale Motociclismo (FIM) Vito Ippolito e Francesco Starace, amministratore delegato di Enel. Proprio il marchio storico italiano di fornitura elettrica sarà title sponsor dell’evento e metterà a disposizione molte delle infrastrutture “green” per le gare. La moto invece è un prodotto, sempre made in Italy, di Energica. L’azienda modenese scelta come fornitore unico dei veicoli a energia verde. Ecco di seguito le prime informazioni su tappe, team, giri e periodo di gara del FIM Enel Moto E.

 

FIM Enel Moto E: si correrà in Europa durante il MotoGP

A dare i primi dettagli sulle gare di Moto E è lo spagnolo Ezpeleta: “Da cinque – sei anni la FIM esamina la possibilità di un evento del genere. Noi di Dorna siamo sempre aperti al nuovo. Ora posso dire che la Coppa del Mondo di Moto E si svolgerà all’interno del periodo del Moto GP per garantire a tutti le migliori condizioni. Le ricariche? Tutte a energia pulita”. L’amministratore delegato di Dorna ha poi precisato che ci saranno da 4 a 6 gare in tutta Europa nel 2019. Per quanto riguarda le squadre, invece, i partenti totali saranno diciotto. Nello specifico: sette team indipendenti della MotoGP avranno a disposizione due moto elettriche di Energica da far correre. Alle 14 moto dei team MotoGP, si aggiungeranno poi altri 4 veicoli da assegnare tra le squadre di Moto2 e Moto3. Ezpeleta ha poi aggiunto che si sta lavorando per definire i circuiti e i numeri di giri, in quest’ultimo caso si sta trovando una soluzione per “permettere di correre tutti i giri a potenza piena”.

 

I dettagli della EgoGP, il veicolo tutto italiano dei piloti della Moto E

Con una lettera, letta dal giornalista Guido Meda in apertura di conferenza, il ministro dello Sport Luca Lotti sottolinea “L’italianità che si fa concetto”, difatti viene dalla cosiddetta” Italian Motor Valley” Energica, l’azienda modenese che ha sviluppato EgoGp, la moto sulla quale correranno i piloti del campionato green. Un esempio di moto elettrica sportiva ad elevate prestazioni e dal cuore tutto verde. Vediamo alcuni dettagli tecnici: a fine articolo la scheda tecnica completa fornita dal costruttore.

 

  • Motore: sincrono a magneti permanenti raffreddato ad olio, è in grado di sviluppare una potenza massima continua di 110kW (c.ca 147 cv) e una coppia di 200 Nm. La moto passa da 0 a 100 km/h in 3 secondi fino a raggiungere una velocità massima superiore a 250 km/h.
  • VCUVehicle Control Unit: è il “cervello” di EgoGp. Monitora e gestisce inverter e centraline. Durante la guida questo sistema controlla la potenza motore in funzione del comando gas e ovviamente monitora la batteria.
  • La batteria: la peculiarità di ogni moto green è naturalmente l’alimentazione. La batteria di EgoGp è a Ioni di Litio ad alta tensione – capacità TBD. È prevista per il raffreddamento una speciale piastra in alluminio con fori che comunicano con l’esterno. Il sistema “Fast Charge Energica” permette alla moto di ricaricarsi da 0 a 85% in venti minuti.

Il tre volte campione del mondo Loris Capirossi, coinvolto nella fase di sviluppo della EgoGP, ha raccontato: “Guidarla inizialmente mi ha stranito: cerchi il cambio e non c’è, la frizione nemmeno, il peso è elevato ma ben equilibrato, la moto è agile. Devo dire che è una sensazione straordinaria correre col silenzio intorno. Stiamo lavorando e siamo nella giusta direzione”. Livia Cevolini, Ceo di Energica, ha svelato che la cosa più difficile nello sviluppo è stata la “coppia”.

 

Verso una mobilità green sempre più diffusa

Quest’anno partirà la Formula E (con tappa anche a Roma), nel 2019 la Moto E, dunque l’elettrico nell’automotive è sempre più in espansione. Il “green” accelera anche nelle competizioni sportive: “La mobilità elettrica è già una realtà – spiega Starace di Enel – lavoriamo per costruire le infrastrutture. L’idea è quella di aumentare la ‘decarbonizzazione’, lo vogliamo fare non solo per i veicoli in gara ma, in futuro, anche per la parte di ospitalità di eventi del genere. Tutto deve essere coinvolto nell’idea di consumo pulito”. Per Francesco Venturini, Ceo di Enel X: “La moto è lo strumento migliore per far conoscere la mobilità elettrica a coloro che ancora ne sanno poco”. Enel offrirà le proprie competenze e tecnologie per la World Cup come, ad esempio, i dispositivi “Smart Charging”, per ricaricare le moto sia ai box che con caricatori mobili. Le motociclette saranno alimentate da energie rinnovabili generate sul posto da sistemi fotovoltaici oppure da fonti, sempre rinnovabili, già presenti in loco.

 

ENERGICA EgoGP

SCHEDA TECNICA DEL MOTOVEICOLO

 

MOTORE Sincrono a Magneti Permanenti raffreddato ad olio
VELOCITÀ MAX 250 km/h
POTENZA kW (Hp)  110 kW (147Hp)
COPPIA 200 Nm da 0 a 5000 rpm
BATTERIA Ioni di Litio ad alta tensione – capacità TBD
RICARICA Carica Veloce DC Modo 4
CERCHIO ANTERIORE Forgiato in Alluminio
CERCHIO POSTERIORE Forgiato in Alluminio
PNEUMATICO ANTERIORE Michelin
PNEUMATICO POSTERIORE Michelin
TELAIO Traliccio in Tubi d’Acciaio
FORCELLONE Fuso in Alluminio

 

La scheda tecnica è indicativa e potrebbe subire variazioni. Energica Motor Company si riserva il diritto di sostituire o cambiare alcuni componenti. Dettagli tecnici in via di sviluppo potrebbero subire variazioni o essere implementati successivamente all’acquisto del veicolo senza costi aggiuntivi.

 

About Franco

Guarda anche

Skoda Enyaq iV 60, un po’ suv, un po’ wagon. Perché comprarla e perché no

Un po’ suv, un po’ station wagon: la nuova Skoda Enyaq iV si presenta con …