La California dà il benvenuto alle driverless-car, quelle “vere” senza guidatore

Le auto che si guidano da sole, o driverless car, raggiungeranno le strade della California ad aprile. Il Department of Motor Vehicles proprio in questi giorni approverà le regole che disciplineranno la circolazione delle driverless car.

Le nuove regole sono state validate dall’Ufficio del Diritto Amministrativo e dovrebbero essere approvate proprio in questo inizio di settima. Qualora questi regolamenti venissero approvati lo stato americano potrebbe rilasciare i permessi i permessi per la circolazione delle driverless car già ad inizio aprile.

Questo nuovo regolamento di fatto rappresenta uno step successivo rispetto a quando approvato fino ad ora. Dal settembre 2014 sono state diverse le azienda automobilistiche che hanno richiesto l’approvazione per potere testare le driverless car, che comunque avevano a bordo un pilota in grado di prendere immediatamente il commando del veicolo in caso di necessità. Attualmente ci sono 50 aziende in possesso dei permessi per testare le driverless car sulle strade della California, a patto però che all’interno di esse ci sia un driver. Tra di esse possiamo citare Cruise, l’azienda appartenente a General Motors, e Waymo di Google.

Toyota: l’elettrica del futuro grazie all’intelligenza artificiale

Questo nuovo regolamento di fatto non necessita più la presenza di un driver pronto ad intervenire in caso di necessità. Le aziende automobilistiche che volessero testare le loro driverless car senza un pilota al loro interno possono richiedere l’autorizzazione alla California ma in cambio devono ottemperare a determinati requisiti:

La Nissan a guida autonoma sfila sulle strade di Tokyo

  • Avvisare per iscritto le autorità competenti;
  • Certificare che il veicolo che si vuole testare permette di comunicare in remoto con l’operatore e che il veicoli ottemperi a tutte le direttive del National Highway Traffic Safety Administration;
  • Certificare che il veicolo è sicuro e protetto da eventuali intrusioni di malintenzionati hacker;
  • Infomare le autorità del tipo di test che si intendono fare e delle caratteristiche tecniche del veicolo, nonché delle condizioni nelle quali esso può operare;
  • Certificare che la driverless car sia in grado di operare senza la presenza di un driver e che ottemperi al Livello 4 o al Livello 5 previste dalla Society of Automotive Engineers.
[Via:
Bizjournal]

About Emiliano

Guarda anche

Volkswagen ID.Life: “l’antipasto” della ID.2, l’elettrica da 20mila euro

La Volkswagen ID.Life, presentata al Salone dell’Auto di Monaco, rappresenta un “antipasto” della ID.2, ossia l’elettrica …