L’Hoverboard Kawasaki-Puro alla prova: divertimento ad emissioni zero [RECENSIONE + VIDEO]

Nella nostra recensione di oggi parleremo di un prodotto molto interessante: hoverboard distribuito da Puro e firmato Kawasaki. Puro è l’azienda leader nel settore della produzione di accessori per smartphone e tablet, Kawasaki è il brand giapponese famoso per la produzione di moto sportive. Da questa “strana” fusione nasce l’hoverboard KX-PRO6.5A.

Hoverboard Kawasaki KX-PRO6.5A

Gli Hoverbord sono difficilmente classificabili: poiché sono mezzi di propulsione alternativa, visto che sono elettrici, ma possono essere usati in determinati e specifici contesti. Nella nostra recensione abbiamo testato questo Hoverboard Kawasaki evidenziando pregi e difetti.

Hoverboard Kawasaki KX-PRO6.5A

Come funziona?

L’hoverboard è basato sul principio della “stabilizzazione dinamica”, che mantiene lo scooter in una situazione di auto bilanciamento: il controllo di guida è gestito infatti attraverso due sensori, che reagiscono in base al centro di gravità del corpo. Inizialmente ci si troverà piuttosto spaesati nell’utilizzo dell’hoverboard e cadere non sarà affatto troppo difficile.
Hoverboard Kawasaki KX-PRO6.5A
Sono infatti necessarie almeno due ore di pratica per padroneggiare al meglio il mezzo. Le operazioni più difficili da compiere, almeno inizialmente, sono quelle di salire e scendere dall’hoverboard. Il principio alla base di questo tipo di mezzo si basa fondamentalmente sul nostro equilibrio e sullo spostamento del peso; a seconda dell’inclinazione, in avanti o indietro, a destra o a sinistra l’hoverboard risponderà di conseguenza. Molto più difficile a dirsi che a farsi; il trucco è quello di mantenere il corpo il più fermo possibile e di compiere dei piccoli movimenti.

E la Qualità?

L’hoverboard Kawasaki Puro è realizzato molto bene e restituisce un’ottima sensazione di solidità. La scocca è in metallo ma è ovviamente rivestita esternamente da un corpo di plastica. La zona dove si appoggiano i piedi è rivestita in gomma morbida di colore verde e riesce ad offrire un grip sempre all’altezza, anche se è soggetta a sporcarsi.
I colori sono nero e verde, quelli tipici di Kawasaki, e l’estetica dell’hoverboard, grazie a questa scelta cromatica ne guadagna molto. Ad impreziosire ulteriormente l’impatto estetico del mezzo contribuiscono i led che sono posizionati nella parte frontale e che hanno anche una funzione di sicurezza, specie quando viene utilizzato l’hoverboard di sera.
Hoverboard Kawasaki KX-PRO6.5A

La qualità costruttiva dell’hoverboard by Kawasaki-Puro è davvero ottima, purtroppo però le superfici di plastica liscia sono piuttosto soggetti a graffi che possono essere provocati da una caduta. Dobbiamo infatti considerare che questo tipo di mezzi è praticamente a contatto con la strada.

Caratteristiche tecniche

Il Kawasaki Puro ha una batteria al litio da 4400 mAh e due motori elettrici da 250W. Il peso totale è di 10 KG. Le prestazioni sono di tutto rispetto: 15 km/h di velocità massima e circa 20 km di autonomia con una singola ricarica. Ovviamente, l’autonomia dipende da una serie di fattori: il peso dell’utilizzatore del mezzo, l’intensità con cui viene utilizzato ed il tipo di contesto.
Hoverboard Kawasaki KX-PRO6.5A
Nella nostra prova non abbiamo avuto difficoltà a percorrere circa 15 km con una singola ricarica; dato decisamente conforme rispetto a quello dichiarato dall’azienda. Attenzione a tenere sotto controllo la carica del mezzo; l’hoverboard infatti emetterà un segnale acustico e sarà inoltre possibile vedere lo stato della ricarica direttamente sulla pedana. Il consiglio è quindi quello di lasciare sempre un po’ di ricarica; il rischio, concreto, è quello di ritrovarsi per terra a causa del blocco del mezzo provocato dall’esaurimento della batteria.

È facile da utilizzare?

No, non è semplicissimo utilizzare bene l’hoverboard e padroneggiarlo al meglio. Inizialmente ci si troverà piuttosto spaesati e cadere sarà quasi obbligatorio.
La curva di apprendimento è graduale, ma sono comunque necessarie almeno due/tre ore per avere una buona padronanza del mezzo. Il consiglio è quello di farlo utilizzare ai bambini non al di sotto degli 8/10 anni, muniti di adeguate protezioni e sempre sotto la supervisione di un adulto.
Altro consiglio che ci sentiamo di dare è quello di impiegarlo soltanto dove il manto stradale è in buone condizioni, meglio se all’interno delle piste ciclabili. Il limite di questo hoverboard, ma in generale di tutti gli hoverboard di queste dimensioni, è quello di trovarsi a loro agio principalmente in terreni lisci o, meglio, su piste ciclabili. Passando infatti sul pavé o su tombini le ruote da 6.5″ pollici risultano piccole e non riescono ad ammortizzare le buche; in queste condizioni mantenere l’equilibrio non sarà affatto semplice. A catalogo è comunque presente un mezzo con le ruote di 10 pollici.

Dove posso utilizzarlo?

Collocare gli hoverboard non è semplice. Di sicuro non sono mezzi di trasporto che devono essere utilizzati sulle strade, anche perché non ci sono ancora disposizioni di legge che ne consentono l’utilizzo.
L’hoverbord è a tutti gli effetti un vettore di trasporto che si inserisce in delle nicchi specifiche. L’interno degli stabilimenti delle grandi aziende quando ci si deve muovere da una parte all’altra in fretta è forse l’ambiente più congeniale. Per il resto possono essere utilizzati come “diversivo” da adulti e bambini poiché risulta comunque un mezzo divertente e quindi in grado di affascinare anche un pubblico giovane.
Hoverboard Kawasaki KX-PRO6.5A

Conclusioni

Il prezzo al pubblico (IVA inclusa) dell’hoverboard Kawasaki Puro è di 499,99 €, nella versione da 10” e 299 euro nella versione da 6,5″, in entrambi i casi il mezzo è acquistabile direttamente sul sito Puro. In alternativa l’hoverboard Kawasaki è disponibile nei principali rivenditori specializzati in tecnologia, nei monomarca Puro di Bologna, Riccione e Milano Marittima.
In conclusione cosa dire di questo hoverboard; sicuramente è un mezzo divertente e in grado di catalizzare l’attenzione di un pubblico giovane. Si tratta di un prodotto realizzato davvero bene e con un ottimo impatto estetico; i colori Kawasaki si sposano in modo perfetto con la scocca dell’hoverboard. Per divertirsi è necessario un periodo di apprendimento di almeno 2/3 ore ma per diventare dei “maghi dell’hoverboard” ci vorrà molto più tempo.
Ci sentiamo quindi di consigliare l’hoverboard Kawasaki a tutti coloro che cercano un mezzo di propulsione (quasi) ad emissioni zero- è elettrico- divertente, alternativo e realizzato con molta cura.

About Emiliano

Guarda anche

Recensione Ford Kuga 2.0 Ecoblue mild hybrid (MHEV): bene i consumi e la dotazione

Abbiamo avuto modo di testare la terza generazione della Ford Kuga, la suv di medie dimensioni …