Mercedes EQS, la massima espressione del lusso elettrico. Ma non chiamatela Tesla Killer!

Mercedes-EQ, EQS
Mercedes-EQ, EQS

La Mercedes EQS è la nuova auto elettrica del costruttore tedesco che inaugura una famiglia di vettura che saranno ingegnerizzata sulla specifica piattaforma modulare  EVA (Electric Vehicle Architecture). Le dimensioni sono generose: lunghezza 521 cm e larghezza 193, rendendola una vettura che si va a posizionare nello stesso segmento della Classe S. Gli ingegneri hanno lavorato molto sull’aerodinamica, riuscendo a ottenere un Cx, coefficiente di resistenza aerodinamica, da record, pari a 0,20. Il più basso in assoluto per le vetture di produzione di serie.

Mercedes EQS: la batteria è davvero maxi

La Mercedes EQS sarà disponibile con due taglie di batterie: 90 e 107,8 kWh. Quella da 90 kWh è destinata alla versione a trazione posteriore EQS 450+ con 333 CV e 568 Nm. La EQS 580 4Matic, che invece ha la trazione integrale con due motori (uno all’anteriore e uno al posteriore), ha un totale di 523 CV, con coppia massima di 855 Nm, e una batteria da 107,8 kWh. L’autonomia di quest’ultima, nonostante la massa dell’auto di ben 2585 kg (2.480 kg per la 450+), arriva a 770 km, ed è in grado di garantire uno 0-100 in 6,2 secondi. Più avanti arriverà la versione AMG da 761 CV. I “pieni” saranno veloci grazie alla ricarica rapida fino a 200 kW di potenza, che fa recuperare 300 km di autonomia in 15 minuti, e a 22 kW in alternata.

Mercedes-EQ, EQS

Aggiornamenti OTA e quattro ruote sterzanti

La EQS è in grado di accettare gli aggiornamenti OTA (che verranno sfruttati anche per migliorare le prestazioni) poiché la vettura può contare su un nuovo software sviluppato internamente. Di serie l’asse posteriore sterzante, che ha un angolo massimo di 4,5°, e migliorare l’agilità dell’auto. Come optional è possibile avere la sterzata fino a 10°, che riesce a ridurre un diametro di svolta a 10,9 metri.

Mercedes-EQ, EQS
Mercedes-EQ, EQS

Interni spaziali

La EQS può contare sull’avveniristico Hyperscreen, dal quale è possibile controllare tutte le funzioni dell’auto. L’Hyperscreen è un mega schermo che si estende per 141 cm, quindi per tutta la lunghezza della plancia, dando la sensazione di trovarsi di fronte ad un unico pannello. Gli schermi Lcd sono di tipo Oled e sono suddivisi in tre aree principali: strumentazione, schermo per il sistema multimediale e schermo per il passeggero.

 

About Emiliano

Guarda anche

Volkswagen ID.Life: “l’antipasto” della ID.2, l’elettrica da 20mila euro

La Volkswagen ID.Life, presentata al Salone dell’Auto di Monaco, rappresenta un “antipasto” della ID.2, ossia l’elettrica …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *