La Volkswagen ID.3 “fatta a pezzi”: dove verrano prodotti motore e pacco batterie

La Volkswagen ID.3 sarà la prima elettrica di grande volume del produttore tedesco. La vettura verrà presentata in via definitiva a settembre durante il Salone dell’auto di Stoccarda.

Attualmente la vettura è prenotatile, versando una caparra di 1000 euro (rimborsabile). Inizialmente la Volkswagen ID.3 sarà disponibile nella versione 1ST, un’edizione speciale dedicata a tutti coloro che prenotano la vettura in anticipo. Questa speciale versione sarà realizzata in 30.000 pezzi e comprende un equipaggiamento con specifiche dotazioni: ha la batteria con capacità di 58 kWh, con la quale sarà possibile percorrere 420 km (WLTP), ed avrà un pezzo di 40.000 euro. La Volkswagen ID.3 1ST include il sistema di controllo vocale ed il navigatore. La ID.3 1ST Plus, un allestimento più completo, aggiunge, l’IQ Light, una tecnologia specifica per l’illuminazione, e design bicolore per l’interno e l’esterno. La ID.3 1ST Max, la più completa, prevede il tetto panoramico in vetro e l’head-up display con la realtà aumentata.

La ID.3 prevederà tre diversi tagli di batteria: da 45 kWh, con cui sarà possibile percorrere 330 km, 58 kWh, che prevede un’autonomia di 420 km, 77 kWh, con cui sarà possibile coprire una distanza di 550 chilometri con una singola ricarica.

La casa tedesca ha già avviato la produzione delle prime pre-serie. Vediamo quindi le specifiche della componentistica e dove verranno prodotti le varie parti della vettura.

Propulsore elettrico: il ruolo centrale dello stabilimento di Kassel

Lo stabilimento Group Components di Kassel fornisce il propulsore elettrico e parti della piattaforma per la ID.3. Oltre ai cambi automatici a doppia frizione DSG, per cui è nota sin dall’avvio della produzione avvenuta 16 anni fa, la fabbrica di Kassel produrrà principalmente propulsori elettrici per la piattaforma modulare elettrica MEB. Tutti gli elementi della propulsione elettrica sono assemblati nello stabilimento di Kassel, incluse le parti provenientidalle fabbriche di Salzgitter, Poznań e Hannover.

Renault lancia l’elettrica low cost. Al momento solo per la Cina

Kassel produce i propulsori di tutti i veicoli elettrici MEB per Europa e America Settentrionale. La produzione di pre-serie è già cominciata; in futuro, fino a 500.000 unità lasceranno la fabbrica ogni anno. Kassel lavora a stretto contatto con lo stabilimento cinese di Tianjin, dove il propulsore elettrico viene prodotto per il mercato cinese. Insieme, le due fabbriche produrranno fino a 1,4 milioni di propulsori elettrici a partire dal 2023. Ciò significa che in futuro Volkswagen Group Components sarà uno dei maggiori produttori mondiali di motori elettrici.

Oltre al propulsore elettrico, Kassel produce per la ID.3 anche elementi portanti e parti della carrozzeria: componenti resistenti per l’alloggiamento della batteria, montanti ammortizzatore, traverse e il tunnel. Le parti della piattaforma da Kassel sono consegnate allo stabilimento di Zwickau dove vengono poi assemblate per completare il corpo vettura.

Far diventare Lancia la Tesla italiana si può. Francesco Pizzuto ci ha provato e ancora ci crede

Rotore e statore da Salzgitter

Come parte del passaggio alla mobilità elettrica, lo stabilimento componenti di Salzgitter si sta specializzando nella produzione di rotori e statori, due parti fondamentali del motore elettrico, in aggiunta alla produzione di motori tradizionali. In futuro, fino a 2.000 rotori e statori saranno prodotti ogni giorno, insieme a motori a benzina, Diesel e a gas metano. Per raggiungere questi volumi elevati, viene utilizzata per realizzare gli statori una nuova tecnologia sviluppata dalla Volkswagen. Permette migliori prestazioni pur riducendo i tempi di produzione.

Salzgitter rappresenta anche la trasformazione di Volkswagen Group Components: la divisione ha assunto la completa responsabilità all’interno del Gruppo Volkswagen per le batterie, dalla ricerca al processo di riciclo. Lo stabilimento di Salzgitter svolge ruoli centrali in questi processi: competenza sulle batterie viene sviluppata al Centro di Eccellenza e uno stabilimento pilota per la produzione delle batterie sarà aperto entro la fine dell’anno. A questo seguirà uno stabilimento pilota per il riciclo nel 2020. Competenze e processi industriali verranno sviluppati in entrambi gli stabilimenti pilota.

Pacco batterie a Braunschweig

Il pacco batterie della ID.3 sarà prodotto nello stabilimento di Braunschweig. Un nuovo capannone dalla superficie di nove campi da calcio sarà costruito appositamente per la produzione del pacco batterie, la cui forma assomiglia a quella di una tavoletta di cioccolato.

La sua apertura è programmata per il quarto trimestre del 2019. In futuro, saranno prodotte circa 2.000 unità al giorno che verranno poi consegnate alla fabbrica di Zwickau. Lo stabilimento di Braunschweig ha sviluppato la sua competenza sulle batterie sin dal 2013, sia per quanto riguarda i sistemi completi, sia la produzione. I pacchi batterie qui prodotti includono quelli per gli attuali modelli elettrici e ibridi plug-in della marca Volkswagen, oltre a quelli per i camion Scania e MAN.

Questi anni di esperienza e competenza hanno trovato sbocco nelle più recenti batterie per la piattaforma MEB. I pacchi batteria che sono già stati prodotti sono attualmente sottoposti a molte settimane di duri test di resistenza per metterli alla prova.I risultati saranno utilizzati per l’ulteriore sviluppo.

La fabbrica di Braunschweig produce inoltre componenti della trasmissione e assembla gli assali anteriore e posteriore. Tra questi, gruppi saldati, il sistema sterzante, oltre agli alberi di trasmissione provenienti dal sito produttivo di Wolfsburg.

[Fonte: C.S. Volkswagen]

About Redazione

Guarda anche

La Tesla Model S Plaid “pizzicata” nei test invernali

La Tesla Model S Plaid, la Tesla più potente di sempre annunciata insieme al restyling …