Dacia Spring: l’elettrica da 9.900 euro (con incentivi), che vale quello che costa

La Dacia Spring è la prima elettrica della casa rumena che sarà disponibile in Italia a partire dal prossimo settembre. La compagnia ha diffuso il listino completo che prevede tre diverse configurazioni e due allestimenti.

Dacia Spring, tre versioni

  • Dacia Spring, la versione per Privati e Aziende, che rende la mobilità elettrica accessibile a tutti. Ordini aperti dall’11 marzo 2021 con le prime consegne da settembre.
  • Business, la soluzione per gli operatori di car sharing.
  • Cargo, la versione commerciale omologata N1 di Dacia Spring, senza sedili posteriori e con un volume di carico pari a 1.100 litri, ideale per gli artigiani e le consegne dell’ultimo miglio. Disponibile a partire dal 2022.

Le caratteristiche tecniche

Si tratta di una citycar “sorella” della Renault City K-ZE, già disponibile in Cina (quest’ultima a sua volta condivide il pianale con la Renault Kwid, modello destinato al mercato indiano).

Ha delle forme che ricordano quelle dei crossover che tanto piacciano agli utenti. L’altezza da terra è di 15 cm, la lunghezza 373 cm, la larghezza 162 e l’altezza 152 cm, il passo, infine, è di 242 cm.

La Dacia Spring Electric è una vettura che condivide il pianale con la controparte endotermica, quindi il motore elettrico di 44 CV (con il tasto Eco la potenza scende a 37 cavalli) con coppia di 125 Nm, che trasmette la potenza alle ruote anteriori, è posizionato sotto il cofano. La velocità massima è di 125 km/h. Ad alimentarlo troviamo un pacco batterie da 26,8 kWh, garantite 8 anni o 120.000 km. Per fare il pieno all’accumulatore, sfruttando un impianto domestico da 2,3 kW, servono circa 14 ore. In alternativa è sempre possibile utilizzare la DC fino a 30 kW di potenza (optional); in quest’ultimo caso serve meno di un’ora per ripristinare l’80% della ricarica. Stando a quanto dichiarato dalla casa l’autonomia è fino a 225 km.

Gli interni sono spartani

Essendo un modello low cost, gli interni sono piuttosto spartani e ricordano quelli presenti sulle controparti endotermiche della Dacia. I comandi sono alloggiati nella consolle centrale dove spicca il sistema multimediale dotato di schermo tattile di 7”, comandi vocali e compatibilità con Android Auto e Apple CarPlay (optional a pagamento). Il quadro strumenti è digitale. L’elettrica rumena è omologata per quattro passeggeri e ha un baule di 300 litri, capacità che arriva a 600 ripiegando lo schienale del divano.

Il listino completo e prezzi in Italia

La Dacia Spring Electric in allestimento Comfort parte da 19.900 euro, 9.460 usufruendo degli incentivi con rottamazione. Il prezzo sale a 21.400 euro, 10.960 con incentivi e rottamazione, per la versione comfort plus che, tra le altre cose, prevede il sistema multimediale con schermo da 7″ e le personalizzazioni sulla carrozzeria.

About Emiliano

Guarda anche

Volkswagen ID.Life: “l’antipasto” della ID.2, l’elettrica da 20mila euro

La Volkswagen ID.Life, presentata al Salone dell’Auto di Monaco, rappresenta un “antipasto” della ID.2, ossia l’elettrica …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *