Recensione Kia e-Niro: spaziosa e scattante, stupisce per piacere di guida e comodità

Tornano le storie di passione elettrica. Ancora una volta è protagonista assoluto il nostro lettore nonché la nostra “penna”, Alberto Prieri (QUI il suo canale YouTube Terzo Garage), che dopo la Nuova Fiat 500 elettrica, il primo contatto con la Porsche Taycan 4S,  con la piccola ibrida Honda Jazz, la Toyota Yaris Hybrid, la stilosa elettrica Citroën ë-C4, questa volta ha avuto un primo contatto con la Kia e-Niro, la suv elettrica della casa coreana.

Il “rumore” dell’elettrico

Pesa più di 1700 chili, ma è spaziosa e scattante, grazie al motore elettrico che la fa sprintare da 0 a 100 km all’ora in 7,8 secondi. Così la Kia Niro si rivela una compatta molto piacevole da guidare, anche nelle curve, perché il peso della batteria distribuito sotto il pianale abbassa il baricentro e migliora la stabilità in marcia. Le doti dinamiche e le performance sono il punto di forza di quest’auto: il powertrain elettrico genera 204 cavalli di potenza con una coppia di 395 Nm, valori di tutto rispetto che permettono alla e-Niro di non risentire del peso.

Silenziosa e ben insonorizzata, è lunga 438 centimetri, larga 181 e alta 156. Dimensioni non ingombranti, ma che offrono un grande spazio interno grazie all’organizzazione ben studiata di sedili e portiere concave, sia all’anteriore sia al posteriore, dove viaggiano comode tre persone, anche di statura piuttosto alta, con luce sufficiente per testa e gambe.

Grande autonomia con i 64 kWh

L’esemplare in prova ha una batteria da 64 kWh che, nel percorso misto, consentono un’autonomia compresa tra i 450 e i 500 km. Alle colonnine fast da 100 kW ci vuole meno di un’ora per la ricarica da 0 all’80% della batteria. Si arriva a 9 ore con impianti da 7,2 kW. Anche le tre modalità di guida Eco, Normal e Sport incidono sulla percorrenza totale possibile, così come l’impostazione relativa alla rigenerazione: con la palette a destra del volante si diminuisce il “freno motore”, fino al livello col il quale è necessario utilizzare il freno in qualsiasi situazione. Agendo invece più volte sulla palette sinistra, la frenata autonoma aumenta gradualmente, fino al punto in cui è praticamene possibile la guida “one pedal”, utilizzando solo l’acceleratore. Quando questo viene rilasciato, l’auto recupera energia, quindi frena da sola fino ad arrestarsi completamente.

Kia e-Niro

Strumentazione digitale

La strumentazione è completamente digitale, mentre cuore del sistema di infotainment è il touchscreen centrale da 10,2 pollici. Il volante presenta tutti i tasti per la gestione del multimedia sulla razza sinistra, quelli per le impostazioni del cruise control adattivo e degli altri Adas sono sulla destra. Esclusi stop e indicatori di direzione, i fari sono full led. I sedili in pelle sono comodi e impreziositi da bordature color turchese che richiamano gli elementi esterni dello stesso colore, quelli che differenziano la e-Niro dalle sorelle con altre motorizzazioni. Ancora sui sedili, quello del conducente è regolabile elettricamente e si possono memorizzare due posizioni, utili nel caso due persone utilizzino la stessa auto.

 

About Emiliano

Guarda anche

Volkswagen ID.Life: “l’antipasto” della ID.2, l’elettrica da 20mila euro

La Volkswagen ID.Life, presentata al Salone dell’Auto di Monaco, rappresenta un “antipasto” della ID.2, ossia l’elettrica …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *